Osservazioni al progetto metanodotto Chiari-Travagliato.

Curioso scoprire che rivolgere osservazioni ad un’amministrazione pubblica come la Provincia di Brescia, generi in realtà risposte da un azienda mia interpellata, questo la dice lunga sul grado di delega che gli uffici con dovere di controllo su appalti e cantieri offrono alle aziende operatrici.In pratica l’ente controllore  non è stato in grado di formulare una sola risposta alla dozzina di osservazioni inviate il primo agosto scorso, lasciando l’incombenza direttamente alla proponente SNAM. “Annamo bene” direbbero gli amici del centro Italia. Per giunta le risposte pervenute appaiono vaghe e inconsistenti, di conseguenza per le stesse ragioni, insoddisfacenti. Non possiamo certo esimerci dal criticare il fatto che, per ragioni legate all’ottenimento dei permessi privati, non siano stati eseguiti 8 dei 28 sondaggi ispettivi richiesti dalla Soprintendenza archeologica in ragione del fatto che “il territorio attraversato è ad alto rischio ritrovamenti archeologici, come dimostrato durante la realizzazione di BRE.BE.MI e TAV”. Inoltre grande preoccupazione deriva dal rimando degli interpellati al D.M. (Decreto Ministeriale) 17 aprile 2008, recante: “Regola tecnica per la progettazione, costruzione, collaudo, esercizio e sorveglianza delle opere e degli impianti di trasporto di gas naturale con densità non superiore a 0.8”, considerato che, nell’articolato non sono riportati i valori di rischio che ledistanze di sicurezzadovrebbero garantire e quindi le stesse “distanze di sicurezza”, quali elemento di mitigazione del rischio, sono dato privo di supporto oggettivo e privo di motivazione logica. In fine tra i documenti del proponente non compare alcun riferimento al parametrorischioindividuale e/o sociale riferito all’esercizio dell’opera, Fatto che, se confermato sarebbe molto grave e allo stesso tempo non può lasciarci fin d’ora indifferenti, osservato che si sta parlando dell’incolumita’ di persone, animali e cose i quali dovranno convivere con quest’opera per lunghi decenni. Per i motivi sopra riportati in qualità  di attiVisti 5 Stelle valuteremo azioni da intraprendere nell’immediato futuro, con il supporto dell’Associazione ReteAlternAttiva.

Condividi sui social Network